25 Ottobre 2010
lombardia – Biogas, rischio di bolle speculative: gli affitti dei terreni schizzano verso l’alto

 Rischio bolla per il biogas. Il boom degli impianti per la produzione di energia grazie all’uso di cereali e reflui zootecnici sta gonfiando i valori dei terreni, in particolare nella provincia di Cremona dove, fra autorizzati e in attività, si concentra quasi il 45 per cento dei siti lombardi: 94 sui 210 in attività o autorizzati in tutta la regione.

“L’avanzata di grandi impianti industriali rispetto a quelli medio piccoli che affiancano l’attività agricola – spiega la Coldiretti Lombardia – sta generando una bolla speculativa sugli affitti dei terreni destinati al mais e alla segale usati come carburante energetico piuttosto che come foraggio per gli animali, facendo schizzare i valori da 500 euro a oltre 1.000 euro all’ettaro. Gli incentivi dello Stato sulle energie rinnovabili sono giusti, ma in certi casi rischiano di diventare una leva che gonfia il mercato e strozza chi invece continua a fare dell’agricoltura la sua attività principale”.

Per questo la Coldiretti Lombardia chiede che la Regione verifichi e autorizzi solo quei progetti che dimostrino la loro sostenibilità ambientale dal punto di vista del consumo di suolo e dell’integrazione dell’attività agricola e poi che vengano rivedute le tariffe energetiche concesse ai grandi impianti.

La Coldiretti Lombardia stima che attualmente in provincia di Cremona, dove si trova la prima linea della bolla speculativa, il biogas stia monopolizzando quasi 25 mila ettari su un totale di 130 mila.  “E’ chiaro che con una pressione del genere gli affitti dei campi vanno alle stelle – commenta Eugenio Torchio, Direttore della Coldiretti Lombardia  - Per noi il biogas buono è quello che completa l’attività agricola riutilizzando prodotti di scarto nell’ottica di una vera sostenibilità ambientale. Ma quando invece diventa un’attività industriale allora cominciano a vedersi squali a caccia di terreni a colpi di migliaia di euro e cresce la bolla speculativa sul mercato degli affitti”. Un problema che – avverte la Coldiretti Lombardia – potrebbe coinvolgere anche gli impianti fotovoltaici che, invece di finire su tetti di stalle e cascine, rischiano di tappezzare le aree agricole con pannelli al silicio al posto di mais, grano, fieno o boschi.
(25/10/2010)

Fabio Bonaccorso comunicazione.lombardia@coldiretti.it 347/0599454

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Seminari informativi per agricoltori custodi di biodiversità

SEMINARI INFORMATIVI PER AGRICOLTORI CUSTODI DI BIODIVERSITA'

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi