21 Maggio 2010
VARESE, ACCORDO TRA COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E COLDIRETTI: 75 ETTARI DI TERRENI PUBBLICI IN AFFITTO PER CINQUE ANNI A 16 IMPRESE AGRICOLE

FIORI (COLDIRETTI): UN BELL’ESEMPIO DA IMITARE

Varese, 21 maggio 2010 – “L’approvazione da parte della Giunta di Busto Arsizio dell’accordo per la regolarizzazione dei contratti agrari su aree di proprietà comunale destinate ad attività agricola tra Comune e 16 aziende agricole locali socie di Coldiretti varese costituisce un modello ‘nuovo’, virtuoso e positivo, che vogliamo trasferire anche ad altre Amministrazioni della Provincia di Varese”.
Questo è il commento soddisfatto di Fernando Fiori Presidente della Coldiretti prealpina, che negli scorsi mesi  - dopo anche la positiva esperienza fatta circa due anni fa con la sigla di una convenzione per lo sfalcio dell’ambrosia – aveva sottoposto al Comune di Busto Arsizio l’ipotesi di dare alle imprese agricole locali certezze nella conduzione dei terreni per la coltivazione.
“L’accordo inteessa 16 aziende e riguarda aree per circa 75 ettari, un tempo anche irrigue ed attualmente coltivate a cereali, mais e foraggere, destinati prevalentemente all’alimentazione del bestiame ed alla produzione di latte”  - ricorda Tino Arosio, Direttore di Coldiretti Varese.
“L’idea della mappatura di questo autentico patrimonio agrario è nata soprattutto dalla necessità di mettere ordine gestionale alla conduzione dei terreni e di dare certezza di continuità agli investimenti tecnici e colturali fatti in precedenza dai coltivatori”.
Le aziende interessate all’accordo pagheranno al Comune il canone di affitto e potranno nel contempo -  grazie proprio alla stipula di regolare contratto di conduzione di terreni di proprietà pubblica, che avrà peraltro durata di 5 anni rinnovabili – ottenere dall’Unione Europea il contributo comunitario della cosiddetta PAC.
“E’ un modello di rapporto tra Amministrazione e la nostra Organizzazione che ha importanti e favorevoli ricadute sul contesto economico locale – evidenzia il Presidente di Coldiretti Fiori – ma assume allo stesso tempo una valenza particolare specialmente in un contesto ambientale fortemente antropizzato, dove gli spazi per l’attività agricola sono sempre più ridotti e sono sempre più forti le spinte alla sottrazione dei superfici agraria per  altre destinazioni d’uso”.
In provincia di Varese ormai solo 16.000 sono  gli ettari che la pianificazione territoriale ha riservato all’agricoltura: “Noi crediamo che anche attraverso questi accordi semplici e non onerosi di fatto per le Amministrazioni pubbliche – conclude Fiori – sia possibile valorizzare l’attività primaria e la sua funzione produttiva e di presidio del territorio, salvaguardandone la destinazione ad uso agricolo, e recuperare anche aree incolte ed abbandonate, ottenendo un ritorno positivo non solo per gli agricoltori ma per l’intera collettività”.
Mentre molti Comuni stanno definendo i nuovi PGT, Coldiretti Varese lancia l’appello a garantire spazi verdi e agricoli per mantenere e sviluppare l’attività agricola in provincia.

Progetto Clover, il 12 maggio visita guidata pascoli Pian di Spagna

Progetto Clover, il 12 maggio visita guidata: pascoli Riserva Pian di Spagna

FORMAZIONE – CORSO PIANTE OFFICINALI

FORMAZIONE - CORSO PIANTE OFFICINALI

Formazione – corso etichettatura alimenti 2° edizione

FORMAZIONE - CORSO ONLINE ETICHETTATURA ALIMENTI 2° EDIZIONE

Oscar Green 2022, aperte le iscrizioni

OSCAR GREEN 2022, ISCRIZIONI APERTE

Seminari informativi per agricoltori custodi di biodiversità

SEMINARI INFORMATIVI PER AGRICOLTORI CUSTODI DI BIODIVERSITA'

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi