28 Aprile 2010
VARESE, LATTE: COLDIRETTI, CONTINUA BATTAGLIA PER ETICHETTA MADE IN ITALY

3 litri di latte su 4 provengono dall’estero ma l’etichetta non lo dice !

A Varese si importa una quantità di latte quattro volte e mezzo superiore a quanto si munge in provincia

Varese, 28 aprile 2010 - “Con la recente decisione di Bruxelles, i quasi 2 milioni di quintali di latte equivalente che ogni anno arrivano in provincia di Varese dalle più svariate parti dell’Europa, continueranno ad essere messi in commercio sotto forma di burro, latte uht, formaggi, yogurt, dolci, ingannando i consumatori che continueranno a ritenere di comprare prodotti italiani”.
Così reagisce Coldiretti Varese, attraverso il suo Presidente Fernando Fiori  alla notizia della decisione della Commissione Europa di bloccare la proposta di decreto dell’ex ministro Zaia, che obbliga ad indicare l'origine del latte a lunga conservazione e di tutti i prodotti lattiero caseari e che vieta anche l'impiego di polveri di caseina e caseinati nella produzione di formaggi.
Il decreto stabilisce chiaramente - precisa la Coldiretti - che il formaggio si fa con il latte e non con le polveri, ma regolamenta anche l'impiego di semilavorati industriali (cagliate) nella produzione di formaggi e mozzarelle, che dovrà essere indicato in etichetta.
“Il dato di Varese è emblematico – ricorda Fiori -: produciamo poco meno di 400 mila quintali di latte e importiamo in provincia una quantità di latte equivalente ben 4 volte e mezzo il latte che mungiamo nelle nostre stalle!”
Oggi tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro sono stranieri senza indicazione in etichetta e la metà delle mozzarelle non a denominazione di origine sono fatte con latte o addirittura cagliate straniere all'insaputa dei consumatori. Si tratta di un inganno che il decreto voleva cancellare, con il consenso dei cittadini, delle imprese e del Parlamento italiano.
 “Le battaglie giuste – dichiara il Presidente di Coldiretti Varese - sono dure da vincere perché si tratta di sconfiggere poteri e interessi forti, ma alla fine anche in Europa dovrà prevalere l’interesse dei cittadini rispetto a quello di quanti vogliono continuare a fare affari, vendendo come italiano quello che non è. Non ci sorprende affatto la decisione di Bruxelles. La recente esperienza del via libera comunitario all’etichettatura di origine dell’olio di oliva, infatti, ci insegna che le giuste battaglie per la trasparenza richiedono anni per essere vinte, ma poi si vincono. Per questo assicuriamo che continua, ancora più forte, la nostra battaglia, come abbiamo fatto lo scorso anno bloccando il valico del Brennero, per garantire ai consumatori e alle imprese agricole la trasparenza e l’adeguata valorizzazione del latte veramente made in Italy.
Dalle frontiere italiane sono passati in un anno - sostiene la Coldiretti - ben 1,3 miliardi di litri di latte sterile, 86 milioni di chili di cagliate e 130 milioni di chili di polvere di latte, di cui circa 15 milioni di chili di caseina utilizzati in latticini e formaggi all'insaputa dei consumatori e a danno degli allevatori. Secondo l'indagine Coldiretti-Swg sulle abitudini degli italiani la quasi totalità dei cittadini (97 per cento) considera necessario che debba essere sempre indicato in etichetta il luogo di origine della componente agricola contenuta negli alimenti.

L'ETICHETTA CON L'ORIGINE SULLE TAVOLE DEGLI ITALIANI

Cibi con l'indicazione di provenienza
 
E quelli senza
 
Carne di pollo e derivati
 
Pasta
 
Carne bovina
 
Carne di maiale e salumi
 
Frutta e verdura fresche
 
Carne di coniglio
 
Uova
 
Frutta e verdura trasformata
 
Miele
 
Derivati del pomodoro diversi da passata
 
Passata di pomodoro
 
Formaggi
 
Latte fresco
 
Derivati dei cereali (pane, pasta)
 
Pesce
 
Carne di pecora e agnello
 
Extravergine di oliva
 
 
 
Interventi assistiti con gli animali

CORSI DI FORMAZIONE 2024 - 2025:  INTERVENTI ASSISTITI CON ANIMALI  

GIORNATA NAZIONALE DEL MADE IN ITALY

GIORNATA NAZIONALE DEL MADE IN ITALY - CAMPAGNA DI PROMOZIONE PROMOSSA DA COLDIRETTI, FILIERA ITALIA E CAMPAGNA AMICA

CORSO OPERATORE FATTORIA DIDATTICA – APRILE/MAGGIO (POSTI ESAURITI)

CORSO OPERATORE FATTORIA DIDATTICA - APRILE/MAGGIO 2024 (POSTI ESAURITI)

LA SICUREZZA IN AGRITURISMO: COME ORIENTARSI NEL LABIRINTO DELLA LEGISLAZIONE ITALIANA

CORSO "LA SICUREZZA IN AGRITURISMO: COME ORIENTARSI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA"

CORSO FORMAZIONE HACCP

FORMAZIONE, CORSO HACCP - MARZO 2024

Corso contabilità aziendale febbraio marzo 2024

3° EDIZIONE CORSO CONTABILITA' AZIENDALE - FEBBRAIO/MARZO 2024

Corso enoturismo febbraio 2024

CORSO ENOTURISMO - FEBBRAIO 2024

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi