13 Novembre 2019
Agriturismi, Lombardia terza in Italia: arriva carta vini Terranostra

Con oltre 1600 strutture la Lombardia è terza in Italia per numero di agriturismi, alle spalle solo di Toscana e Trentino Alto Adige. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Lombardia sugli ultimi dati Istat, nell’annunciare l’arrivo negli agriturismi regionali di Campagna Amica della prima carta dei vini lombardi promossa da Terranostra, per valorizzare i prodotti di qualità del territorio. La carta – spiega la Coldiretti – è stata presentata in occasione del workshop su vino e turismo che si è svolto a Trezzo sull’Adda, in provincia di Milano.

“L’iniziativa – spiega Massimo Grignani, Presidente di Terranostra Lombardia, l’associazione agrituristica promossa da Coldiretti – ha fatto incontrare aziende agrituristiche e produttori di vino provenienti da tutta la regione, dando spazio anche alle piccole realtà che propongono prodotti di alta qualità. L’obiettivo è quello di creare nuove sinergie per introdurre nei menù degli agriturismi un’offerta enologica che faccia conoscere sempre più ai consumatori e ai turisti le tipicità dei nostri territori, così come previsto dalle nuove norme”.

Infatti – spiega la Coldiretti Lombardia – secondo le recenti modifiche alla legge regionale sull’agricoltura, almeno 4 prodotti agricoli su 5 serviti negli agriturismi (pari all’80%) devono essere made in Lombardia. Tra questi anche il vino. “In questo contesto - continua Massimo Grignani – si inserisce la carta dei vini di Lombardia ideata da Terranostra. Per le strutture che la proporranno, significa avere a disposizione uno strumento per suggerire agli ospiti il giusto abbinamento tra calice e piatto della tradizione. Sarà un po’ come fare il giro della Lombardia attraverso i suoi vini”.

In Lombardia gli agriturismi continuano a crescere – spiega la Coldiretti regionale –  tanto che in un decennio il loro numero è aumentato del 48%. In base agli ultimi dati Istat – conclude la Coldiretti - la maggior parte degli agriturismi lombardi si trova in pianura (37,9%), seguita dalla collina (32%) e dalla montagna (30,1%). In più di due strutture su tre si può mangiare, mentre più della metà offre la possibilità di alloggiare. Non mancano poi servizi ricreativi come l’equitazione, l’escursionismo, il trekking  e attività culturali come la fattoria didattica e le osservazioni naturalistiche.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi