9 Settembre 2019
Cinghiali, Como in vetta agli abbattimenti ma i danni non si fermano: “Continuare e intensificare le azioni”

COMO-LECCO – 1.014 cinghiali abbattuti in provincia grazie alle operazioni di controllo e caccia di selezione: è nel territorio di Como che si concentra il maggior numero di ungulati abbattuti in Lombardia nell’ambito dei piani di controllo e della caccia di selezione introdotta dalla Regione Lombardia.
Un’azione necessaria “che rappresenta un punto di partenza e che va intensificata per eradicare un problema divenuto fuori controllo”, come sottolinea il presidente di Coldiretti Fortunato Trezzi. “L’attenzione della Regione è positiva, ma questi numeri confermano anche quanto il problema dei selvatici sia aumentato a dismisura negli ultimi anni sul territorio: d’altro canto, sia le segnalazioni quotidiane delle nostre imprese, sia la cronaca quotidiana continua a evidenziare come le ripetute invasioni di questi animali siano divenute insostenibili. Quest’anno aumenterà anche il conto dei danni, ben più dei 350 mila euro del 2018, quando i capi abbattuti – come citano i dati della Regione – furono 726 alla data del 31 agosto”.

Vietato, quindi, abbassare la guardia: “Servono nuove azioni, ancor più incisive. L’occasione di eradicare il problema c’è, i passi avanti annunciati dall’assessore Fabio Rolfi sono positivi. Ma è necessario e urgente pensare a un nuovo censimento, che fotografi la situazione reale: ci troviamo alle prese con continue invasioni nei campi, ma anche le strade delle due province sono a rischio. In più, mai si erano visti i cinghiali scorrazzare tranquillamente in città, com’è avvenuto pochi giorni fa a Como. Oppure mangiare i fiori nei cimiteri, come pure abbiamo avuto modo di leggere nelle ultime settimane. Insomma, siamo di fronte a un allarme non solo per l’agricoltura ma per l’intera società civile”.
Positivo anche l’annuncio di Rolfi rispetto a “nuovi provvedimenti volti a semplificare le modalità di svolgimento delle attività di contrasto e a snellire le pratiche per ottenere l’abilitazione alla caccia al cinghiale”.
“Anche su questo punto attendiamo i risultati. Certamente occorre far presto, perché il problema, come abbiamo visto, vive una recrudescenza preoccupante” aggiunge il presidente di Coldiretti Como Lecco Fortunato Trezzi: “La fine dell’estate, infatti, con il periodo di raccolta amplifica ulteriormente i danni si sono susseguiti per l’intero anno”.
Danni che non risparmiano nulla: campi di mais e prati a fieno in primis, ma anche: vivai e frutteti distrutti, così come le ortive a pieno campo, gli impianti di piccoli frutti, alla vite. Si sono addirittura registrate, da parte dei cinghiali, devastazioni di alveari, mentre il passaggio dei cinghiali stessi, insieme a quello di cervi e caprioli, ha provocato nella zona di Moltrasio il cedimento e la distruzione degli storici muretti a secco che delimitano i terrazzamenti.
Il territorio va tutelato nella sua interezza: “Va ricordato che l’agricoltura ha un ruolo imprescindibile nel mantenere quella stabilità idrogeologica che, soprattutto nelle aree montane che circondano il lago di Como, lascerebbe campo all’abbandono più incontrollato. I cinghiali, quest’estate hanno fatto incursione perfino gli alpeggi dell’Alto Lago: per questo è necessario agire in fretta, e farlo con la massima concretezza".

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi