9 Marzo 2020
Cinghiali: i danni sono uno stillicidio quotidiano, anche alle porte di Lecco

COMO-LECCO – “Qui è uno stillicidio quotidiano. Le reti di protezione non servono, proveremo con i recinti elettrificati ma senza troppe speranze. Non sappiamo più cosa fare”. Il racconto di Franco Ferrari, una vita da agricoltore in un’azienda zootecnica alle porte di Lecco, è accorato. I danni sono lì da vedere, “freschi di giornata, anzi, dell’ultima notte” in cui l’ennesimo branco di ungulati ha attraversato la recinzione dopo essersi scavati un passaggio, e dato il via al “banchetto” nel prato. Il risultato? Tutto da rifare, con buche vistose che con ogni probabilità causeranno una perdita a due cifre percentuali per i prossimi tagli di fieno.

“E’ un continuo ripristinare, e il tutto si traduce in danni economici a quattro zeri” racconta Ferrari. “Tra perdita di prodotto e tempi di ripristino, i disagi sono evidenti. E ne risente anche la biodiversità: a ridosso dei miei fondi, c’è una risorgiva dove, ogni anno, trovavano casa e rifugio i rospi e le rane. I cinghiali l’anno devastata e i piccoli anfibi sono scomparsi”.

Fortunato Trezzi, presidente della Coldiretti interprovinciale, torna a chiedere “un coinvolgimento delle istituzioni per un problema che valica ogni delimitazione territoriale e si sussegue senza soluzione di continuità in ogni angolo delle due province, dalle pianure alle alte quote: ancora negli ultimi giorni abbiamo avuto segnalazioni dalla Val d’Intelvi e dalla Val Menaggio. E quando non ci sono i cinghiali, arrivano i cervi a completare l’opera. Peraltro, si tratta di animali sempre meno timorosi della presenza delle bestie al pascolo: abbiamo immagini al limite dell’incredibile in cui si vedono cervi e cinghiali pascolare insieme alle vacche, in uno stesso prato”.

La presenza dei selvatici mette a rischio oltre l’equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali, ma la stessa presenza degli agricoltori soprattutto nelle zone montane e di confine, e con essa quella costante opera di manutenzione che preserva le aree montane dal dissesto idrogeologico.

“Ciò che chiediamo – rimarca il direttore di Coldiretti Como Lecco Giovanni Luigi Cremonesi - è quello di fare impresa producendo per i cittadini e non per gli animali selvatici nocivi. È sempre più urgente porre in ogni misura utile e necessaria a porre un argine al fenomeno, considerando che il loro numero è continuato ad aumentare negli anni. Da parte di Coldiretti Como Lecco non è mai mancata la disponibilità al confronto e, anzi, c’è una fortissima azione propositiva, che ribadiamo”.

“Le soluzioni ci sono e le abbiamo più volte evidenziate - conclude Trezzi - ma vanno percorse con decisione: occorre quindi incrementare gli interventi straordinari di prelievo, così come è urgente una revisione dei piani faunistico-venatori di concerto con le associazioni di categoria e gli organismi preposti. Ciò con particolare riferimento alle quote di esemplari, partendo dalla effettiva consistenza delle popolazioni di selvatici e in relazione ad oggettivi criteri di sostenibilità dei territori. Non è un caso che l’area lariana sia tra quelle, in Lombardia, con il più alto numero di cinghiali abbattuti, oltre 1800 nel corso del 2019: parliamo di un terzo rispetto all’intera regione. E’ la cartina di tornasole rispetto a un problema che ha assunto proporzioni enormi, e che va arginato con decisione. Si tratta anche di un problema di sicurezza pubblica: i cinghiali ormai raggiungono, in diverse realtà urbane, anche i giardini delle abitazioni private, oltre a provocare un numero preoccupante di incidenti stradali”.

Fa' la cosa giusta 2020

COLDIRETTI A FA' LA COSA GIUSTA 2020

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi