8 Ottobre 2019
Nocciole, una nuova opportunità per le imprese agricole della Lombardia

"La coltivazione delle nocciole è estremamente redditizia, sostenibile, con varietà nazionali di alta qualità e può consentire di recuperare zone collinari abbandonate. Si tratta anche di un investimento sul futuro visto che la domanda crescerà per i prossimi 40 anni. La Regione Lombardia investirà risorse per sviluppare sul territorio la produzione di nocciole, aumentare la produzione nazionale e limitare le importazioni dalla Turchia. Si tratta anche di sicurezza alimentare, per il noto problema dell'alto contenuto di aflatossine delle nocciole turche". Lo ha detto l'Assessore regionale lombardo all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi, che ha partecipato a Palazzo Pirelli al convegno sulla corilicoltura al quale è stato invitato come ospite anche Alessandro Rota, Presidente della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza. Erano presenti i produttori lombardi e le principali aziende di trasformazione italiane.

Rota, nell’assicurare la grande attenzione con la quale Coldiretti segue l’avvio di questa nuova filiera nella nostra Regione, ha rimarcato come proprio in Brianza, a Besana, un giovane imprenditore agricolo abbia vinto la scommessa della coltivazione delle nocciole. “E’ proprio dal “si può fare” di Giacomo Citterio – ha detto il Presidente Rota – che dobbiamo partire per raccogliere questa nuova opportunità per i nostri territori”.

Attualmente in Lombardia sono attive 294 aziende per 157 ettari sui 71.000 nazionali e mettere intorno a un tavolo produttori, trasformatori e istituzioni è il primo passaggio per costruire la filiera e affrontare problematiche come quella della disponibilità dei terreni, dei primi anni di mancata resa del prodotto, degli accordi con le aziende di trasformazione. La Regione Lombardia – è stato spiegato nel convegno promosso da Ersaf – si attiverà per garantire un servizio tecnico di supporto alla nascita di nuove aziende e per individuare misure innovative per sostenere nei primi anni il reddito delle aziende che coltivano nocciole (incentivi per il biologico; particolari indennità compensative; anticipazione dei redditi futuri attraverso fondi e garanzie specifiche). Saranno poi previste misure specifiche nella futura programmazione comunitaria.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi