5 Marzo 2022
Latte, l’industria annulla penalità sul surplus stalle lombarde

Le penalità sul surplus di latte prodotto nelle stalle lombarde nei mesi di febbraio, marzo e aprile 2022 sono state annullate dall’industria. Lo rende noto Coldiretti Bergamo nel comunicare la scelta fatta da Italatte società del gruppo Lactalis, la più importante industria casearia a livello nazionale.

Si tratta di un atto dovuto – sottolinea Coldiretti Bergamo – a fronte di una situazione di mercato come quella attuale in cui le quotazioni del latte spot nazionale sfiorano i 50 centesimi al litro sulla piazza di Milano , mentre agli allevatori viene retribuito intorno ai 41 centesimi al litro ed in alcuni casi anche molto meno .

Gli allevamenti si trovano in condizioni molto critiche – continua la Coldiretti provinciale – stretti tra il boom dei costi produttivi e un prezzo riconosciuto alla stalla che non copre le spese.

“Anche l’Ismea ha messo in evidenza con i suoi studi che il costo medio di produzione del latte, fra energia e spese fisse, ha raggiunto i 46 centesimi al litro – spiega Alberto Brivio, presidente di Coldiretti Bergamo -, un valore ben al di sopra di quello riconosciuto attualmente ai produttori. Inoltre ci troviamo di fronte a un quadro che si sta ulteriormente aggravando a causa delle tensioni internazionali dovute dalla guerra in Ucraina, con i prezzi di mais, soia e grano che continuano ad aumentare, così come le spese energetiche”.

Coldiretti Bergamo sottolinea che bisogna fare il possibile per evitare che il futuro delle aziende agricole venga messo a repentaglio. Per assicurare stabilità all’intera filiera è indispensabile il corretto riconoscimento del lavoro degli allevatori. Senza la sostenibilità economica nelle stalle, non ci può essere sostenibilità sociale e ambientale.

“Siamo scesi in piazza per far capire  anche ai cittadini che la situazione che stanno vivendo i nostri allevatori è gravissima e servono interventi urgenti – prosegue Brivio -. Tutti gli attori della filiera si convincano che servono nuove modalità con cui definire un prezzo alla stalla che tenga conto dell’andamento del mercato e dei continui aumenti dei costi produttivi. Il riconoscimento di un prezzo che copra almeno i costi di produzione è un imperativo a cui non ci si può sottrarre, così come confermato anche dal provvedimento contro le pratiche sleali a cui come Coldiretti siamo pronti a fare appello, raccogliendo gli elementi necessari per presentare le prime denunce”.

Il settore lattiero caseario rappresenta un comparto cardine dell’agroalimentare italiano, con la Lombardia che rappresenta il 45% del latte nazionale e che vanta un patrimonio fatto di 14 formaggi DOP, 62 formaggi tradizionali a cui si sommano altre due tipicità come il burro e il burro di montagna. Anche nella Bergamasca il comparto lattiero caseario è una realtà di primo piano con circa 750 allevamenti che producono 4.100.000 quintali di latte e una tradizione casearia consolidata che dà vita a un vasto patrimonio di formaggi, tra cui spiccano le 9 DOP che rappresentano un fiore all’occhiello per tutto il territorio.

 

 

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Seminari informativi per agricoltori custodi di biodiversità

SEMINARI INFORMATIVI PER AGRICOLTORI CUSTODI DI BIODIVERSITA'

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi