29 Gennaio 2010
Milano, Olona: no alla razzia dei terreni agricoli. Marcia fra i mulini contro le “maxi buche”

No alla razzia della terra agricola lungo l’Olona. Sabato 30 e domenica 31 gennaio 2010 nel corso della 78esina edizione della Marcia dei Cinque Mulini, il comune di San Vittore, Coldiretti e il Comitato civico “No Vasche” ribadiranno la loro opposizione alle vasche che la Regione vuole scavare per contenere le acque di un’eventuale esondazione del fiume.“Le soluzioni possono essere altre e meno traumatiche per il territorio – spiega Orfeo Favotto, segretario di zona della Coldiretti – nell’ambito dei progetti per l’Expo si può pensare anche a un semplice canale scolmatore oppure si può valutare la possibilità di usare la rete esistente per assorbire l’eventuale eccesso di acqua. Mentre le vasche sarebbero una ferita profonda al territorio”.

Il progetto prevede di occupare quasi 200 mila metri quadrati di superficie, il 90 per cento nel comune di San Vittore e il resto fra Parabiago e Canegrate, scavando per 3 metri di profondità e portando via oltre mezzo milione di metri cubi di terra, con la prima falda che, attualmente, si trova a circa 12 metri di profondità. Il tutto per un costo di 12 milioni di euro. L’opera attende ancora la Valutazione di impatto ambientale, ma il comune di San Vittore ha già organizzato una task force di avvocati e tecnici per prepararsi alla battaglia legale, nel caso ce ne fosse bisogno.

“Non vogliamo che tutto questo rischi di diventare l’ennesima bolla speculativa per sottrarre spazio all’agricoltura e al verde – spiega il rappresentante di Coldiretti – anche perché in caso di esondazione del fiume, quando le acque si saranno ritirate cosa resterà su quei terreni?”. Secondo gli oppositori delle vasche sarebbe necessaria una bonifica di almeno lo strato superficiale inquinato dopo ogni esondazione. Il progetto prevede che le vasche vengano usate come sfogo per l’acqua nel momento in cui la portata sfiora i 60 metri cubi al secondo (rispetto ai 45 inizialmente previsti), un limite però che anche il comune di San Vittore ritiene troppo basso visto che negli ultimi mesi l’Olona ha raggiunto gli 80 metri cubi al secondo senza che accadesse nulla. L’ultima volta che il fiume è uscito dagli argini risale al 1995.

“A questo punto – conclude Favotto - ci chiediamo cosa possa  servire la realizzazione  di questo progetto quando si potrebbe fare qualcosa di molto meno traumatico. Con la nostra presenza alla “5 mulini”, vogliamo informare la gente e ribadire la nostra volontà di difendere un ambiente che è patrimonio di tutti”.
 (29/01/2010)

Formazione – corso etichettatura alimenti

FORMAZIONE - CORSO ONLINE ETICHETTATURA ALIMENTI

FORMAZIONE – CORSO HACCP

FORMAZIONE - CORSO ONLINE HACCP SICUREZZA ALIMENTARE

Seminari informativi per agricoltori custodi di biodiversità

SEMINARI INFORMATIVI PER AGRICOLTORI CUSTODI DI BIODIVERSITA'

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi