29 Maggio 2019
Piantumati i cipressi rubati a Torre Pallavicina, donati dai florovivaisti di Coldiretti

La piccola chiesa di  Santa Maria Assunta, situata nelle campagne di Torre Pallavicina (Bg), ha nuovamente i suoi cipressi. I 5 alberi, rubati a più riprese nei mesi scorsi, sono stati donati e rimessi al loro posto dal gruppo florovivaisti di Coldiretti Bergamo.

“Ci dispiaceva l’dea che un simbolo così caro agli agricoltori del luogo rimanesse senza la sua naturale cornice – spiega Sandro Maffi, in rappresentanza del gruppo dei florovivaisti di Coldiretti Bergamo -; è stato un piccolo gesto che ha anche voluto in qualche modo cancellare le dimostrazioni di inciviltà che si sono susseguite negli ultimi tempi e che hanno danneggiato una chiesa che appartiene a tutta la comunità”.

Santa Maria Assunta è annessa alla parrocchia di Torre Pallavicina. E’ stata costruita nel 1860 per dare la possibilità alle famiglie di agricoltori della zona di partecipare alla S. Messa anche quando i lavori in campagna erano nel boom e non riuscivano a raggiungere la chiesa parrocchiale. E’ consacrata ancora oggi e ospita la celebrazione della Messa durante il mese mariano, un appuntamento sempre molto sentito e partecipato.

“Ringrazio i florovivaisti di Coldiretti Bergamo per la sensibilità dimostrata – dice Nazzareno Samuel Ferro della cascina Campagnola di Torre Pallavicina -; poiché l’azienda agricola che gestisco con la mia famiglia si trova nelle vicinanze, mi sono sempre preso cura di questa chiesetta a cui sono molto legato. I cipressi rubati li avevo piantumati io per renderla più bella e quando non li ho più trovati ci sono rimasto molto male, più che tutto perché non volevo credere che ci fosse qualcuno capace di un gesto così meschino”.

Nelle campagna della provincia, sottolinea Coldiretti Bergamo, sono diverse le chiesette annesse alla cascine o curate dagli agricoltori e rappresentano un patrimonio religioso e artistico che merita di essere valorizzato e tutelato, ma soprattutto rispettato, perché elemento identitario della cultura rurale e delle tradizioni del territorio.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi