26 Luglio 2022
Siccità, a rischio l’olio lombardo

Piante in stress idrico, foglie scottate e ingiallite, meno olive e più piccole. Sono gli effetti della siccità e delle alte temperature sugli oliveti lombardi dove si stimano perdite nella quantità di olive che arrivano fino a un terzo rispetto a un’annata normale. È quanto afferma la Coldiretti Lombardia in base a un monitoraggio sul territorio.

Il mix esplosivo di caldo e siccità – precisa la Coldiretti regionale – ha ostacolato la comparsa dei frutticini sulle piante che manifestano i sintomi dello stress idrico con le foglie ingiallite, scottate e caratterizzate da una colorazione tenue. Anche le olive che sono riuscite a svilupparsi sui rami degli alberi – precisa la Coldiretti – faticano a crescere e ingrossarsi correttamente con il conseguente rischio di avere una resa finale di olio inferiore.

I timori per un’annata difficile si registrano soprattutto nel Bresciano, prima area produttiva della regione. “Un altro anno da dimenticare – afferma Silvano Zanelli, olivicoltore di Puegnago del Garda e presidente AIPOL, l’Associazione Interprovinciale Produttori Olivicoli Lombardi – Il caldo e la siccità stanno mettendo in ginocchio la nostra olivicoltura, con perdite di prodotto che nelle nostre zone raggiungono al momento punte del 40%. Una situazione grave per un settore di grande valore per l’agricoltura lombarda sia per la qualità del prodotto, sia dal punto di vista ambientale e turistico”.

I danni alla stagione olivicola – continua la Coldiretti Lombardia – si sommano a quelli provocati dalla siccità ad altre colture lombarde. Al momento – conclude la Coldiretti regionale –si stimano già cali di circa un terzo per le produzioni di orzo, frumento e riso, mentre le perdite per i foraggi si avvicinano ormai al 50%, così come il calo stimato per le rese nei raccolti di mais. Nelle stalle a causa delle alte temperature le mucche stanno producendo fino al 20% in meno di latte, ma siccità e caldo in pianura stanno anche bruciando frutta e verdura mentre negli alpeggi in montagna i pascoli sono secchi e pozze d’acqua usate dagli animali per dissetarsi e rinfrescarsi sempre più asciutte.

 

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Seminari informativi per agricoltori custodi di biodiversità

SEMINARI INFORMATIVI PER AGRICOLTORI CUSTODI DI BIODIVERSITA'

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi