4 Dicembre 2020
Varese: è arrivata la neve, agricoltura mobilitata. Ed è allarme gelo per fiori e ortaggi

VARESE – Trattori-spazzaneve in azione per garantire la viabilità dopo l’inizio della copiosa nevicata che, dopo l’anticipo di mercoledì, sta interessando tutta la provincia di Varese, portando peraltro un repentino e stabile abbassamento delle temperature (la colonnina di mercurio scenderà stabilmente sottozero per tutta la prossima settimana, con temperature massime non superiori a 5/6 gradi nel cuore della giornata).

Già nei giorni scorsi, anche i trattori degli agricoltori della Coldiretti sono stati allertati per lo sgombero neve e sono scesi in strada per la distribuzione del sale contro il pericolo del gelo. Come sottolinea la maggiore organizzazione agricola provinciale, “i mezzi agricoli sono fondamentali per consentire la circolazione e garantire la viabilità grazie alla maggiore tempestività di intervento, anche nelle aree più interne e difficili”.

La figura dell'"agricoltore spazzaneve" è nata - spiega la Coldiretti - grazie alla legge di orientamento che consente alle pubbliche amministrazioni di stipulare convenzioni con gli agricoltori per lo svolgimento di attività funzionali "alla sistemazione e manutenzione del territorio" anche attraverso l'utilizzo di mezzi meccanici agricoli.

Agricoltura mobilitata, quindi, ma anche preoccupata per i temuti contraccolpi del gelo: con il brusco abbassamento delle temperature, infatti, rischiano di soffrire verdure e ortaggi coltivati all’aperto dopo un lungo periodo di clima insolitamente mite.

“Nelle campagne – sottolinea il presidente di Coldiretti Varese Fernando Fiorise le temperature scendono sotto lo zero per lungo tempo sono a rischio le coltivazioni invernali come cavoli, verze, cicorie e broccoli ma lo sbalzo termico improvviso ha inevitabilmente un impatto anche sull’aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra: questo, in particolare, provoca contraccolpi pesanti per il comparto florovivaistico, che nel 2020 sta vivendo il suo anno più nero causa lockdown”.

C’è il rischio – continua Coldiretti Varese - che si alimentino le speculazioni in una situazione in cui sono stati registrati aumenti dei prezzi al consumo del 5,5% per la frutta fino all’8,7% per le verdure dall’Istat a novembre ma, di contro, nei campi si registrano tagli nei compensi pagati agli agricoltori.

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Seminari informativi per agricoltori custodi di biodiversità

SEMINARI INFORMATIVI PER AGRICOLTORI CUSTODI DI BIODIVERSITA'

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi