5 Maggio 2010
Maltempo, Valtellina con il fiato sospeso per gli storici vigneti lungo la montagna

Questa mattina Alberto Marsetti, 40 anni, agricoltore, ha alzato lo sguardo al cielo e poi un po’ più in basso verso i vigneti terrazzati che per circa 60 chilometri corrono alla sinistra della statale 36 da Morbegno a Tirano. La pioggia caduta nelle ultime ore ha gonfiato i terreni e riempito i “vagelli”, i torrenti che scendono lungo i costoni della montagna portando via l’acqua in eccesso dai terrazzamenti.

“Con tutta la pioggia che sta venendo giù cominciamo a preoccuparci per la tenuta dei terreni - spiega Marsetti, che è Presidente della Coldiretti di Sondrio –perché il danno non lo vedi subito, ma nel giro di due o tre giorni”. L’acqua infatti gonfia la terra che rischia di sbriciolarsi e scendere a valle come una colata di lava bagnata, come è già avvenuto nel 2002 quando scivolarono via duemila metri quadrati di terreno a Sondrio.

I vagelli compaiono lungo i terrazzamenti a vigneto solo quando la pioggia non riesce più a essere assorbita e quindi si scarica su queste “uscite di emergenza” che evitano sovraccarichi. Ma se anche i canali sono saturi allora aumenta la paura. Fino a quindici giorni fa lungo la statale non c’era nulla, adesso invece in diversi punti ci sono i torrenti della pioggia.

“Il problema – commenta Marsetti – è che diversi terreni sono stati abbandonati e anche i ruscelli che si formano con le piogge non li segue più nessuno. In cento anni abbiamo perso circa il 70 per cento dei terrazzamenti coltivati e quelli rimasti stiamo cercando di farli riconoscere patrimonio dell’umanità dall’Unesco”. Ne sono sopravvissuti 800 ettari (concentrati fra Ardenno e Tirano), sui quali si producono uve Nebbiolo, Rossola e Pignola che danno vita a circa 6 milioni di bottiglie all’anno fra Rosso Valtellina Doc, Valtellina Superiore , Sforzato e Terrazze Retiche. Ogni anno fra settembre e ottobre vengono spremuti circa 45 mila ettolitri di nettare di Bacco.

Ma oggi più che il vino è l’acqua a preoccupare. In Valtellina l’Arpa Lombardia tiene sotto controllo 20 zone a rischio frana e smottamenti, la maggior parte delle zone di Sondrio (Ruinon, Val Pola, Spriana, Torreggio, Semogo, Presure, Campo Franscia, Sasso del Cane, Boero, Oultoir, Suena, Bema, Pruna, Arlate e Lanzada), a Brescia (Idro), a Como (Gera Lario), a Bergamo (Il Pizzo) e a Lecco (Molte Letè).

(05/05/2010)

Interventi assistiti con gli animali

CORSI DI FORMAZIONE 2024 - 2025:  INTERVENTI ASSISTITI CON ANIMALI  

GIORNATA NAZIONALE DEL MADE IN ITALY

GIORNATA NAZIONALE DEL MADE IN ITALY - CAMPAGNA DI PROMOZIONE PROMOSSA DA COLDIRETTI, FILIERA ITALIA E CAMPAGNA AMICA

CORSO OPERATORE FATTORIA DIDATTICA – APRILE/MAGGIO (POSTI ESAURITI)

CORSO OPERATORE FATTORIA DIDATTICA - APRILE/MAGGIO 2024 (POSTI ESAURITI)

LA SICUREZZA IN AGRITURISMO: COME ORIENTARSI NEL LABIRINTO DELLA LEGISLAZIONE ITALIANA

CORSO "LA SICUREZZA IN AGRITURISMO: COME ORIENTARSI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA"

CORSO FORMAZIONE HACCP

FORMAZIONE, CORSO HACCP - MARZO 2024

Corso contabilità aziendale febbraio marzo 2024

3° EDIZIONE CORSO CONTABILITA' AZIENDALE - FEBBRAIO/MARZO 2024

Corso enoturismo febbraio 2024

CORSO ENOTURISMO - FEBBRAIO 2024

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi