12 Dicembre 2019
Consumismo ed esistenza: riflessione con mons. Tremolada e Gherardo Colombo

Non solo luci, regali e frenesia: oltre il consumismo, Natale può essere tempo di riflessione sui valori che caratterizzano l’esistenza umana e sulle difficoltà del vivere moderno e della sua relazione con l’ambiente. E proprio la collocazione quotidiana, etica e professionale dell’individuo è stata protagonista mercoledì 11 dicembre, nella sede provinciale di Coldiretti Brescia, dell’incontro “Venir meno a se stessi. Essere adulti ai tempi del consumismo”.

Una tematica di ampio respiro arricchita dalle riflessioni di due figure d’eccezione: il vescovo di Brescia, S.E. mons. Pierantonio Tremolada e Gherardo Colombo, ex magistrato, giurista e saggista, attualmente presidente di UE COOP. Ad accompagnare i relatori, il vice presidente di Coldiretti Brescia Silvano Brescianini, il direttore provinciale Massimo Albano e il responsabile settore vitivinicolo Simone Frusca. L’interessante dibattito è stato invece modeato dal giornalista Massimo Tedeschi.

“Nel dialogo tra coscienza cristiana e consumismo è importante approfondire le questioni più esistenziali – interviene mons. Tremolada – il consumatore è anzitutto un uomo, con il proprio volto e le proprie aspirazioni. Interroghiamoci su come una società debba strutturarsi per accompagnare la vita delle persone: un percorso necessariamente legato anche alla dimensione economica, che dovrebbe porsi tuttavia a servizio di un vissuto umano. Recuperiamo questo aspetto antropologico anche nelle pratiche commerciali, verso una società più sensibile e matura, anche nel rapporto con il creato”.

Consumismo ed esistenza: i relatori dell'incontro dell'11 dicembre 2019

Coscienza ambientale e consumismo: il ruolo dell'agricoltore

La dimensione umana caratterizza dunque la scelta di Coldiretti Brescia: “Con questa iniziativa, ci discostiamo dai classici temi economici legati al mondo agricolo – spiega il direttore Massimo Albano, portando i saluti dell’organizzazione provinciale ai relatori e ai numerosi soci presenti in sala -, per elevare l’asticella culturale verso approfondimenti utili a comprendere il nostro ruolo di imprenditori e cittadini, inseriti nella quotidianità sociale, economica e ambientale”.

Sul tema del consumismo nel vivere civile interviene Gherardo Colombo: “Non possiamo vivere senza regole, la differenza sta in quali regole osservare – precisa il presidente di UE COOP -. Questo vale anche per il consumismo: ultimamente si pensa che bontà e comprensione siano quasi un difetto, dunque le uniche alternative possibili nel confronto con gli altri sono conflitto o armonia. Ecco perché impegnarsi nel diffondere un’idea costruttiva del nostro ruolo nella società, che coinvolge anche il nostro destino privato e professionale”.

Il vice presidente Silvano Brescianini, in chiusura, torna sul rapporto tra agricoltura e cambiamenti climatici: “A seguito degli eventi estremi, sperimentati anche sulla nostra pelle negli ultimi mesi, è fondamentale interrogarsi su cosa possiamo fare. Le profonde riflessioni di questa mattina confermano che noi agricoltori siamo attori protagonisti di questa epoca, chiamati a promuovere pratiche consumistiche più corrette, per migliorare le relazioni le persone, la società e l’ambiente”.

Fa' la cosa giusta 2020

COLDIRETTI A FA' LA COSA GIUSTA 2020

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi