18 Giugno 2021
“Mangia che è bonus”: arriva l’agririconoscimento a km zero

100 euro di premio dal rinnovo del contratto di lavoro “buoni da mangiare”. Mai gioco di parole fu più azzeccato: con l’iniziativa Mangia che è bonus, infatti, oltre 300 dipendenti della cooperativa sociale Namasté, con sede a Seriate, potranno acquistare – attraverso dei buoni ricevuti con l’ultima busta paga – prodotti tipici locali dagli agricoltori oppure pranzi e cene presso gli agriturismi della nostra provincia che aderiscono all’associazione Terranostra.

UN RICONOSCIMENTO A KM ZERO

Mangia che è bonus nasce dagli accordi sindacali di gradualità sottoscritti da Namasté con le organizzazioni sindacali che prevedono l’erogazione, nel mese di maggio, di un riconoscimento di 100 euro per tutti i dipendenti. Da qui la scelta della cooperativa di uscire dal seminato dei più classici servizi offerti e di inventarsene uno ad hoc con la collaborazione di Terranostra, l’associazione di Coldiretti che si occupa di agriturismo. Ed il gioco è fatto: i 327 dipendenti hanno ricevuto i buoni (calibrati in base al proprio contratto full-time o part-time) da spendere in 57 aziende agricole e agrituristiche dalla Bassa alle Valli orobiche.

«Da vent’anni siamo a fianco delle persone con fragilità con diversi servizi dislocati in città e provincia. Siamo insomma una cooperativa del territorio, pertanto ci è sembrato scontato pensare ad una modalità che sostenesse il territorio nel concreto, promuovendo l’economia di prossimità e l’avvicinamento del consumatore con il produttore diretto, senza intermediari, favorendo la reciproca conoscenza» spiega Sara Caccia, Presidente di Namasté cooperativa sociale.

PER UN’ALIMENTAZIONE SANA E CONSAPEVOLE

L’incontro con Terranostra è il frutto di una visone comune, basata sulla condivisione dei valori dell’educazione all’alimentazione sana, locale e consapevole, della lotta agli sprechi e della sostenibilità ambientale come indicato dall’Agenda 2030 dell’ONU.

«L’idea di fare rete tra realtà del territorio – dice Paolo Vecchi, presidente provinciale di Terranostra  – nasce dalla volontà di promuovere progetti e sinergie caratterizzati da una valenza etica oltre che economica. Un modo responsabile di incarnare lo spirito multifunzionale di un’agricoltura sempre più aperta e protagonista delle dinamiche locali. Dall’accoglienza, dalla condivisione e dal cibo genuino parte il rilancio delle nostre comunità, per questo i nostri agriturismi hanno aderito a questa iniziativa che fa incontrare diverse realtà accomunate da uno stesso spirito”.

I dipendenti di Namasté che si recheranno presso i 57 agriturismi di Terranostra che hanno preso parte a “Mangia che è bonus” potranno consumare pasti tipici della tradizione contadina a base di prodotti del territorio, acquistare eccellenze agricole a km zero e usufruire di servizi agrituristici, entrando così in contatto con il mondo agricolo bergamasco e le sue tradizioni.

INIZIATIVA REPLICABILE

Mangia che è bonus è un’iniziativa replicabile sia in Bergamasca che negli altri territori del nostro Paese. Cooperative sociali e aziende agricole non mancano. Occorre solo la volontà di generare accordi semplici e il più possibile locali che permettano anche di far ripartire le imprese del territorio. Perché l’innovazione non è solo digitale, ma qualcosa di molto più concreta e vicina alle persone.

Corso fattoria didattica novembre 2021

CORSO FATTORIA DIDATTICA      NOVEMBRE 2021

Corso agriturismo, ottobre 2021

CORSO AGRITURISMO - OTTOBRE 2021

Corso fattoria sociale, settembre 2021

CORSO FATTORIA SOCIALE       SETTEMBRE 2021

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi