17 Marzo 2022
Pomodoro, senza giusto prezzo già -10% semine in Lombardia

Per il protrarsi dello stallo nelle trattative con l’industria sul prezzo del pomodoro, in Lombardia si sono già ridotte di almeno il 10% le semine previste per questa stagione che non verranno più recuperate. È quanto stima la Coldiretti regionale nel denunciare l’estremo ritardo sulla definizione del contratto per il raccolto 2022.

Senza accordo sul prezzo produzione pomodoro a rischio

Ogni giorno che passa senza intesa – afferma la Coldiretti regionale – sono altri ettari di mancata produzione, proprio in un momento in cui l’Italia, con la guerra in Ucraina e l’esplosione dei costi delle materie prime e dell’energia, ha bisogno di mettere in campo tutte le sue risorse per garantire le produzioni alimentari e le forniture di cibo alle famiglie.

La mancanza di un accordo sul prezzo del pomodoro – continua la Coldiretti – non permette agli agricoltori di affrontare costi di produzione in ascesa vertiginosa a cui si somma una situazione di siccità che in Lombardia dura ormai da mesi e che contribuisce a mettere a rischio la coltivazione dell’oro rosso. Non si può più perdere tempo – prosegue la Coldiretti regionale – Serve subito un’intesa che riconosca il giusto prezzo agli agricoltori, che non può essere inferiore ai 110 euro a tonnellata. Sotto questa soglia non ha senso firmare alcun contratto, meglio vendere il prodotto direttamente nel momento del raccolto.

L’accordo sul prezzo agli agricoltori è strategico – afferma la Coldiretti - perché chi sceglie di coltivare pomodoro deve ordinare le piantine per il raccolto estivo, con il rischio che il balzo dei costi porti anche produttori storici a scegliere colture che richiedono meno investimenti e minori rischi come mais, sorgo, girasole e soia, le cui quotazioni sono esplose con la guerra in Ucraina e le tensioni commerciali internazionali. È urgente che tutti gli attori della filiera si dimostrino maturi e responsabili – prosegue la Coldiretti Lombardia – Bisogna remare tutti nella stessa direzione, che mira alla trasparenza della filiera e alla valorizzazione del prodotto cento per cento made in Italy.

Il pomodoro in Lombardia e in Italia

Sono oltre 7 mila gli ettari destinati al pomodoro da industria in Lombardia nel 2021 – conclude la Coldiretti – per una produzione complessiva superiore ai 610 milioni di chili. Mantova e Cremona sono le province più vocate. L’Italia è ai primi posti nel mondo per la produzione di polpe e trasformati con oltre 71mila ettari coltivati a pomodoro nel 2021 fra Nord e Sud del Paese per un raccolto totale di oltre 6 miliardi di chili.

 

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Progetto Clover, il 10/6 visita al parco del Ticino

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Corso per Distributori e Produttori Fitosanitari

Seminari informativi per agricoltori custodi di biodiversità

SEMINARI INFORMATIVI PER AGRICOLTORI CUSTODI DI BIODIVERSITA'

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi